Un diario dal Burundi – Parte 2

So che per le donne dell’occidente queste possono sembrare parole forti, ma io mi sono sentita parte della loro Tribù. La mia esperienza sarà un modello per molte altre donne, ne sono certa. Ho sentito il dono di questa investitura di poter essere da ponte tra queste donne e le nostre al punto che tornare è stato difficile, seppure sono stata li solamente dieci giorni, e sento che vorrei tornare.

Lo scambio culturale era forte ad esempio insegnavamo l’un l’altra delle parole, e con i gesti, gli sguardi e i sorrisi scambiavamo le nostre emozioni, ma la cosa che più mi ha colpito è stato l’affetto con cui mi davano le loro figlie in braccio, o il rispetto con cui guardavano ciò che gli davo da fare, cercando di trovare una soluzione alle nostre ovvie difficoltà comunicative iniziali. Io non parlavo francese, ma le nostre produzioni di borsette sono la prova che tutto si può fare con l’amore.
Sono riuscita a spendere con loro una settimana nella loro routine lavorativa sentendomi parte integrante e producendo qualcosa che mi ha reso fiera di me stessa perfino inaspettatamente, soprattutto quando ho riscoperto capacità manuali che avevo dimenticato nel cassetto dell’infanzia che passavo con nonna, quando cucivo e ricamavo. Oppure come quando ho condiviso dei momenti di maternità con alcune di loro che mi hanno lasciato un segno profondo nel cuore.
Poi Emilia, colei che ha creato dal nulla questo atelier incredibile, mi ha fatto da esempio, mostrando profonda devozione al suo lavoro di coordinatrice delle ragazze, i dettagli nei loro lavori non erano mai lasciati al caso e il suo tocco si sentiva forte.

Nel mio piccolo ho sperato e visto la possibilità di fare ancora del volontariato con Eccomi e sto immaginando quanto potrebbe essere utile la nostra continua presenza sul territorio, perché sento che quando ce ne andiamo da lì è come se li lasciassimo sprofondare di nuovo in un loro limbo, il loro Paese ahimè non gli da molte opportunità, e i figli adolescenti stanno già sognando prospettive più elevate, ma non vedono la possibilità così imminente.
Questo mi ha un po’ riempito di tristezza, ma anche armata di coraggio e di buona speranza, come quella riposta nei missionari che vivono sul territorio e fanno da oltre cinquant’anni un’ottimo lavoro. Abbiamo la possibilità di rimanere in servizio anche da lontano, sebbene sento che essere lì di persona abbia un impatto diverso. Mi rimetto a ciò che il signore deciderà, sono ancora giovane e con una vita di volontariato davanti.

 

A cura di Giada Carlucci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...